Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Effettua l'accesso

XI Giornata Aritmologica Casa di Cura San Michele

Belvedere Carafa

le tachicardie ventricolari e la morte improvvisa:
dall’imaging diagnostico alle novità in tema di ablazione transcatetere

Benvenuti alla XI edizione della giornata aritmologica organizzata dal laboratorio di elettrofisiologia della Clinica San Michele.
Molto tempo è trascorso dalla prima edizione del 2001 e molti sono i stati i progressi in campo aritmologico osservati in questi anni. Progressi resi possibili spesso da importanti innovazioni tecnologiche in grado di rendere attuabili le intuizioni di chi ogni giorno si confronta con la realtà.
Del tutto recentemente il mondo della terapia e della prevenzione della morte improvvisa si è molto evoluto e di questo parleremo in questo congresso.
Nella prima sessione affronteremo la problematica della prevenzione della morte improvvisa aritmica in età pediatrica, nei giovani che si affacciano al mondo dell’attività sportiva (con le relative implicazioni per le idoneità allo sport agonistico e non) e nei soggetti a cuore sano. Ci avvarremo dell’aiuto di un relatore che giornalmente è a contatto con pazienti in età pediatrica (Dr Drago), di un cardiologo (Dr Marzullo) che è a continuo contatto con atleti professionisti e non ed infine il Dr Caponi ci riporterà l’esperienza del centro di Asti guidato dal Dr Scaglione nel trattamento ablativo delle aritmie ventricolari nei giovani.
A questo riguardo il Dr Galea ci dirà se le nuove tecniche radiologiche sono in grado di aiutarci nella gestione del rischio aritmico ed infine valuteremo quale sia il potenziale dell’ablazione transcatetere nel guarire alcune aritmie ventricolari.
Nella seconda sessione affronteremo la gestione del rischio di morte improvvisa nei pazienti con cardiopatia ischemica. Anche qui faremo il punto sulle potenzialità delle nuove metodiche, sia radiologiche che in elettrofisiologia, nella gestione del rischio ischemico focalizzandoci sul loro supporto nella comprensione delle alterazioni strutturali in grado di guidare l’elettrofisiologo sul trattamento ablativo delle tachicardie ventricolari, vera spada di Damocle per la vita dei pazienti ischemici. Anche in questa sessione ci avvarremo di relatori esperti che giornalmente trattano gli argomenti oggetto delle relazioni.
Fra i relatori che interverranno il Dr Landino ci dirà di come tecniche eseguite in urgenza possono aggredire il rischio aritmico, il Dr Tedeschi ci guiderà sulle potenzialità della cardio TAC, il Dr Galea ci illustrerà le tecniche radiologiche utili a comprendere il substrato, Il Dr D’Onofrio ci dirà dei diversi tipi di defibrillatori impiantabili, il Dr Acanfora ci illustrerà di come il tono neurovegetativo e la biomeccanica incidano sulla prognosi dei pazienti ischemici mentre il Dr De Simone ci farà una panoramica sull’efficacia dell’ablazione transcatetere.

una foto dell’evento

Download - Scarica la brochureTorna alla lista di eventi di Settembre 2017