Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Scompenso cardiaco

Cosa è

Trattamenti farmacologici

La ricerca scientifica ha scoperto una serie di farmaci capaci di attenuare i I sintomi ed dello scompenso cardiaco controllandone l’evoluzione e migliorando la qualità della vita.
Purtroppo la gestione di tale terapia sono gravate da due importanti criticità:
la ridotta aderenza alle prescrizione ed il mancato raggiungimento nella titolazione della dose ritenuta efficace.
Un’ottimizzazione individualizzata eun incremento delle competenze relazionali con il paziente mediante interventi di educazione sanitaria si sono dimostrati efficaci per la gestione di tale criticità.

I farmaci per la cura dello scompenso cardiaco sono:

  • ACE-inibitori
    Gli ACE-inibitori sono farmaci che determinano vasodilatazione riducendo il carico di lavoro al ventricolo sinistro; questa farmaci si sono dimostrati efficaci nell’aumentare la aspettativa media di vita nel ridurre la necessità di ricoveri ripetuti.
    L’incremento della dose deve avvenire gradualmente monitorizzando i sintomi del paziente la pressione arteriosa , la funzione renale.
  • Beta-bloccanti
    I beta-bloccanti determinano una riduzione della freuqenza cardiaca. Anche questi farmaci prolungano l’aspettativa media di vita e diminuiscono il numero dei ricoveri ospedalieri.
    La titolazione di tali farmaci è individualizzata; avviene gradualmente ed i criteri utilizzati per l’incremento della posologia sono: l’assenza di sintomi, la risposta in frequenza che deve essere maggiore o uguale a 60 bpm
  • Antialdosteronici
    Gli antialdosteronici agiscono sulla regolazione del metabolismo del potassio e sulla formazione di tessuto collagene. Anche questa classe di farmaci si sono dimostrati efficaci nel migliorare l’aspettativa di vita riducendo il numero dei ricoveri ospedalieri.
  • Digitale
    La digitale è un farmaco ampiamente usato nel passato. Attualmente è utilizzato soprattutto per controllare la fibrillazione atriale che può peggiorare i sintomi dello scompenso cardiaco.
  • Diuretici
    I diuretici aumentano l‘escrezione di liquidi . Sono detti anche farmaci sintomatici in quando attenuano sintomi quali la disnpea o il gonfiore delle gambe ma non modificano la storia della malattia.
  • Sartani
    I Sartani (ARB, Angiotensin receptor blockers) hanno un meccanismo d’azione simile a quello degli ACE-inibitori e vengono utilizzati quale alternativa, nel caso di intolleranza a questi ultimi. Anche questi farmaci prolungano l’aspettativa media di vita e riducono il numero dei ricoveri ospedalieri.