Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Effettua l'accesso
Elettrostimolazione Cardiaca

Estrazione degli elettrocateteri: indicazioni tecniche – Risultati – Complicanze

Timing dell’estrazione

Mentre per la estrazione di cateteri per patologie non infettive l’intervento andrebbe programmato al più presto una volta posta l’indicazione, nelle infezioni dei CIED esistono tre diversi approcci temporali: urgente, precoce o dilazionato. Il primo approccio consiste nella rimozione immediata del device, prima della diagnosi microbiologica e dopo inizio di una terapia antimicrobica empirica; il secondo, invece, prevede una fase iniziale di terapia antibiotica, prima empirica e poi mirata dopo l’ottenimento delle colture, per eliminare la batteriemia, fronteggiare lo stato settico e ridurre la carica batterica nella vegetazione; la terza opzione è quella di prolungare la terapia antibiotica, anche a domicilio e per via orale, associandola ad una terapia anticoagulante, per un periodo di 4-8 settimane, ed intervenire quando il processo è quasi del tutto spento e la vegetazione si è possibilmente ridotta di dimensioni. La scelta dell’approccio ottimale è frutto di una valutazione collegiale tra specialisti di diversa provenienza e deve essere individualizzata.