Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Effettua l'accesso
Elettrostimolazione Cardiaca

Il defibrillatore automatico impiantabile

Tecnica di impianto – Complicanze periprocedurali

dr. Antonio De Simone, dr. Vincenzo La Rocca, dssa Assunta Iuliano* Clinica San Michele (Maddaloni,CE)- Clinica Mediterranea* (Napoli)

IMPIANTO DI DEFIBRILLATORI (DEF) (monocamerale e bicamerale)
L’impianto si esegue con paziente sveglio. L’ anestetico locale viene somministrato nel sottocutaneo della regione sottoclaveare. La puntura della vena succlavia si effettua a cielo coperto, a livello della giunzione tra il terzo mediale ed i due terzi laterali del corpo clavicolare. Si procede, sotto controllo fluoroscopio, ad inserire attraverso la vena prescelta (succlavia o cefalica, quest’ultima isolata a cielo aperto) un elettrocatetere la cui estremità distale viene posizionata all’apice del ventricolo destro (DEF monocamerale), mentre per i DEF bicamerali si aggiunge un secondo elettrocatetere la cui estremità viene alloggiata nell’ auricola dell’ atrio destro. Una volta valutata la corretta posizione dei cateteri nelle camere cardiache si collega la loro estremità prossimale al defibrillatore, collocato poi in una “tasca” sottocutanea ottenuta scollando la cute dal piano muscolare sottostante. La piccola ferita chirurgica viene chiusa con punti di sutura. Il paziente dopo 24 ore di riposo a letto ed immobilizzazione della spalla sinistra, potrà mobilizzarsi.
Le complicazioni durante l’applicazione del defibrillatore (analogamente per il pacemaker) sono estremamente rare e generalmente reversibili, ma in rari casi richiedono un trattamento farmacologico o chirurgico. Le possibili complicanze post-operatorie includono: pneumotorace, tachicardie parossistiche, lesioni vascolari, o delle strutture cardiache, versamento siero-ematico nella tasca sottocutanea sede del pacemaker, erosione della cute sovrastante lo stimolatore o gli elettrocateteri, trombosi delle vena succlavia oppure ascellare, infezioni localizzate o sistemiche, malfunzionamento della stimolazione cardiaca per spostamento degli elettrocateteri o avaria del defibrillatore.