Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania


Warning: Illegal string offset 'email' in /web/htdocs/www.aritmologiaincampania.it/home/squelettes/formulaires/ecrire_auteur.php on line 20

Fai una domanda al medico


Fai una domanda
?

Tachicardia e sport - 17.03.2015

Buongiorno, sono un uomo 56 anni ex calciatore,ora podista(ben allenato).
Dopo alcuni episodi di sincopi sempre avvenute durante recupero 10’ circa nel giro di 40gg con la durata di circa 5/6 secondi l ’una sono stato ricoverato in ospedale S.Gerardo Monza. Eseguito test ergometrico si è verificato lo stesso episodio, si è verificato un evidente TVNS 350 bpmin fase di recupero. Si è deciso per ABLAZIONE transcatetere mediante radio frequenza. Ora i medici mi dicono che è tutto ok ,io pero’ vorrei essere sicuro di poter fare sport come prima (allenamenti per maratone,trail ,ecc.). Sicuro di una Vostra risposta ,ringrazio sentitamente.

Scrivi un commento

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

  • Icon User
    Antonio De Simone

    Buongiorno, mi dispiace ma la sua situazione clinica mi sembra un pò troppo complessa per potermi permettere di darLe un parere, soprattutto perchè la descrizione del caso risulta generica e generica è la descrizione dei risultati dello screening a cui si è sottoposto. Alla luce delle sue aspettative ritengo sia utile sottoporsi a doppio consulto specialistico con un aritmologo e ad un medico sportivo. Per quanto riguarda l’idoneità sportiva, infatti, essa sarà il risultato sia di una normalizzazione clinica che delle prove che si faranno dopo le terapie del caso.
    Cordiali saluti