Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Effettua l'accesso
Elettrofisiologia Cardiaca

Studio elettrofisiologico transesofageo (SETE) ed endocavitario (SEE)

L.Santangelo; E. Ammendola.
Seconda università di Napoli, Dip. Cardiologia, A.O. Monaldi.

Lo studio elettrofisiologico è un esame che studia il sistema elettrico del cuore, responsabile dell´origine e della conduzione degli impulsi elettrici che permettono al cuore di contrarsi e svolgere la propria funzione. Quando il sistema elettrico del cuore presenta delle anomalie possono verificarsi delle aritmie cardiache intese sia con accelerazioni ,regolari o irregolari dei battiti, che ,al contrario, con rallentamenti della frequenza cardiaca. Entrambe queste condizioni possono causare al paziente una sintomatologia pressoche’ sovrapponibile; infatti potranno essere riferite palpitazioni, dispnea cioe’ difficoltà nel respiro, astenia , vertigini,e , talora transitorie perdite di coscienza.
Lo studio elettrofisiologico risulta essere, pertanto, un utile approfondimento per avvicinarsi alla diagnosi precisa del meccanismo e della sede della eventuale aritmia sottostante a tale sintomatologia e, di conseguenza , rappresenta la base per una corretta terapia.
Tecnicamente lo studio elettrofisiologico può essere condotto sia per via trans esofagea (SETE) oppure per via endocavitaria (SEE).
Nel primo caso, (SETE), l´esame avviene tramite un sondino che si inserisce dal naso e che viene posizionato all´altezza del cuore restando sempre nell´esofago. Da esso vengono emessi impulsi elettrici che possono sollecitare l’attività elettrica cardiaca eventualmente inducendo l’aritmia, e contemporaneamente si registrano i potenziali elettrici degli atri e dei ventricoli aumentando l’accuratezza diagnostica, Nel secondo caso, (SEE) lo studio si effettua introducendo delle sonde (cateteri) attraverso la vena femorale e, se necessario, attraverso la vena succlavia per registrare i potenziali elettrici dalle cavità del cuore destro e attraverso l’arteria femorale per raggiungere il ventricolo sinistro. I cateteri vengono spinti fino al cuore sotto la guida dei raggi x e posizionati nell’atrio destro, nel ventricolo destro, e nel seno coronarico per registrare, ed eventualmente stimolare , l´attività elettrica del cuore. Elaborando i dati con opportuni sistemi di mappaggio si possono evidenziare i substrati anatomici responsabili dell’aritmia e di verificare l´efficacia dei farmaci nel controllare le aritmie. La durata dell’esame è in media di 30-45 minuti. Al termine in base ai risultati dello studio si possono verificare diverse condizioni:
1) Lo studio elettrofisiologico non evidenzia alcuna aritmia. È possibile che i sintomi non siano dovuti a disturbi del sistema elettrico del cuore.
2) L’aritmia può essere eliminata tramite l´ablazione transcatetere mediante radiofrequenza. Qualora necessaria e possibile, sarà la prima opzione proposta.
3) L’aritmia non può essere eliminata con gli interventi sopra descritti. In tal caso verrà prescritta una terapia farmacologica.