Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Effettua l'accesso
Elettrostimolazione Cardiaca

Disturbi respiratori notturni e aritmie

Potenziali meccanismi che correlano l’OSA alle aritmie

Le ripetitive oscillazioni fra prevalenza del tono simpatico e parasimpatico durante il sonno in OSA rappresentano il substrato perfetto per lo sviluppo di aritmie cardiache: quando predomina il tono parasimpatico possono insorgere bradi aritmie (Fig 2) e viceversa in prevalenza di tono simpatico prevalgono eventi aritmici atriali e ventricolari. La fibrillazione atriale può invece essere favorita sia dal tono vagale che da quello simpatico. Inoltre, come già detto, i pazienti OSA conservano anche da svegli un aumentato tono simpatico per cui possono verificarsi eventi aritmici e morti cardiache improvvise sia durante sonno che in veglia.
La combinazione poi di aumentato tono simpatico e ipossiemia negli OSA sbilanciano il rapporto tra consumo di ossigeno cardiaco e disponibilità di ossigeno e predispongono ad ischemia miocardica e dunque ad aritmie cardiache.
È già stato spiegato come negli OSA, a causa degli eventi fisiopatologici conseguenti alle apnee, si possa sviluppare un cambiamento della struttura cardiaca nel senso di una ipertrofia ventricolare dx e sin e in seguito scompenso cardiaco sisto diastolico, condizione ad alto rischio di aritmie ventricolari e morte cardiaca improvvisa.