Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Casi clinici ed elettrocardiografici

Casi Clinici

La sindrome di Wolff-Parkinson-White

Dr. Antonio De Simone
Casa di Cura «San Michele» Maddaloni CE

La sindrome di Wolff-Parkinson-White è una malattia in cui è presente, sin dalla nascita, una via accessoria tra gli atri e i ventricoli.

La maggior parte manifesta palpitazioni e alcuni debolezza o respiro affannoso.
• L’elettrocardiogramma serve a porre la diagnosi.
• Generalmente, gli episodi possono essere risolti con manovre volte a
stimolare il nervo vago, che rallenta la frequenza cardiaca.
Tale sindrome è la più comune tra i vari disturbi che interessano una via elettrica extra (accessoria) tra gli atri e i ventricoli. Questo percorso supplementare rende più probabile la comparsa di aritmie.
Seppur congenita, la sindrome di Wolff-Parkinson-White causa aritmie che, solitamente, si manifestano durante l’adolescenza o nei giovani adulti. Tuttavia, le aritmie possono verificarsi durante il primo anno di vita o dopo i 60 anni d’età.

scarica il documento

Scrivi un commento

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

    Non ci sono commenti all'articolo.