Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Effettua l'accesso
Elettrostimolazione Cardiaca

La sindrome da pace-maker

dr. Francesco Solimene, dr. Francesco Urraro, dssa Assunta Iuliano* Casa di Cura, Montevergine (Mercogliano, AV)- Clinica Mediterranea* (Napoli)

SINDROME DA PACEMAKER

In una bassissima percentuale di pazienti, con alta percentuale di pacing ventricolare da pacemaker definitivo, si possono verificare episodiche perdite del sincronismo con la contrazione atriale, pertanto l’atrio si contrarrà a valvole atrioventricolari chiuse. La sintomatologia è varia (astenia, malessere generale, dispnea). Un esempio di sindrome da pacemaker è la retroconduzione atriale di un ritmo da pacing ventricolare, pertanto le onde P all’ECG seguiranno il QRS stimolato.
La soluzione di tale sindrome si ottiene attraverso la riprogrammazione del pacemaker (aumento frequenza di pacing atriale, modifiche della refrattarietà).