Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Effettua l'accesso

La gestione del paziente ad alto rischio cardiovascolare

Auditurium G.Zannini Clinica Mediterranea S.p.A.

Vai al sito della Clinica Mediterranea

LE MALATTIE CARDIOVASCOLARI

Ancora oggi la principale causa di morte nel mondo occidentale è rappresetata dalle malattie cardiovascolari.

Sono state pubblicate numerose ricerche epidemiologiche e cliniche che hanno dimostrato che l’elevata frequenza cardiaca è da considerata un fattore di rischio specie in pazienti che hanno già avuto un episodio cardiovascolare.

L’opportunità di disporre di un bradicardizzante puro come l’ivabradina, ha reso possibile la modulazione della frequenza cardiaca di soggetti in ritmo sinusale.

COME GESTIRE IL PAZIENTE AD ALTO RISCHIO CARDIOVASCOLARE?

In questo incontro dal titolo “La gestione del paziente ad alto rischio cardiovascolare” parleremo in maniera approfondita dell’uso di tale farmaco in pazienti con cardiopatia ischemica e/o con scompenso cardiaco per i quali il rischio di morte cardiovascolare è ancora inaccettabilmentE alto.

Nella gestione del paziente ad alto rischio cardiovascolare è fondamentale un modello integrato tra professionisti per ottenere risultati terapeutici più efficaci, ma anche per una gestione più razionale delle risorse.

Durante il convegno si parlerà:

dell’importanza della continuità terapeutica tra ospedale e territorio,
del rispetto delle Linee Guida per la gestione del paziente con cardiopatia ischemica
della gestione del paziente scompensato
della gestione del paziente con SCA

ORGANIZZAZIONE DIDATTICA

Durante l’incontro non mancheranno momenti di interattività e di confronto tra relatori e partecipanti. È prevista infatti una sessione di dibattito sulla gestione del paziente con cardiopatia ischemica e una tavola rotonda sulla condivisione delle linee guida tra ospedale e territorio.

Il convegno è accreditato ECM con 6,5 crediti per le seguenti categorie professionali:
– cardiologo
– geriatra
– medici specializzati in malattie dell’apparato respiratorio
– medici di medicina interna

Il numero massimo di partecipanti previsto è di 25 persone è necessaria pertanto la registrazione. Maggiori dettagli sono presenti nella locandina scaricabile al seguente link:

http://www.clinicamediterranea.it/evento/la-gestione-del-paziente-ad-alto-rischio-cardiovascolare/

Download - Locandina del ConvegnoTorna alla lista di eventi di Settembre 2017