Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Bg Top Blog

Parola agli esperti

L’elettrofisiologia nell’ospedalità privata: luci ed ombre

Img News 1

La Campania è sempre stata una terra particolarmente fertile per la cardiologia interventistica, ed un ruolo di primo piano è tradizionalmente svolto dalle strutture private.
Non fa’ eccezione l’elettrofisiologia e l’elettrostimolazione che annovera Centri privati di altissima eccellenza.
Tali strutture sono all’avanguardia tecnologica e rappresentano un punto di riferimento medico e scientifico non solo a livello locale ma anche nazionale ed internazionale. Alcune di queste strutture hanno ereditato il testimone dell’elettrofisiologia lasciato nel 1995 dal dottor Pappone e per anni sono stati gli unici Centri ad eseguire le ablazioni delle aritmie cardiache. Anche l’ablazione della fibrillazione atriale ha visto i primi casi praticati in Italia in una di queste strutture ed il lavoro di ricerca prodotto sull’ablazione della fibrillazione atriale è stato riconosciuto a livello internazionale tale da essere punto di riferimento per le linee guida della terapia della fibrillazione atriale. Ancora oggi i principali trial italiani sull’ablazione della fibrillazione atriale vedono parte attiva alcuni di questi Centri, mentre due dei principali Corsi sull’ablazione della fibrillazione atriale e sull’ablazione non fluoroscopica delle aritmie sono organizzati in Campania. Oggi oltre l’80% delle procedure di ablazione tran catetere delle aritmie è effettuato presso Centri privati. Anche nel campo dell’impiantistica l’ospedalità privata è da sempre all’avanguardia. Il primo impianto di dispositivo biventricolare è stato eseguito in Campania più di 12 anni fa in una di queste strutture ed ancora oggi più del 50% dei defibrillatori automatici è impiantato in strutture private. Anche in questo caso il lavoro clinico si è sempre coniugato con una prolifica produzione scientifica riconosciuta e livello internazionale. A fronte di tale lavoro clinico e scientifico non pochi sono i problemi che le strutture private, accreditate con il Sistema Sanitario Nazionale, devono affrontare. Il primo è legato ai rimborsi regionali, decurtati dal 10 al 30% rispetto al DRG nazionale e con tempi di pagamento del tutto imprevedibili. Tali limitazioni costituiscono un ostacolo enorme all’innovazione tecnologica che la nostra branca richiede e che per il momento si riesce a fare fronte grazie alla lungimiranza degli amministratori di tali strutture. Inoltre alcune procedure, come la sostituzione dei defibrillatori automatici e soprattutto l’ablazione della fibrillazione atriale hanno il grosso limiti di costare più di quanto rimborsato dal SSN.

Giuseppe Stabile

Torna agli articoli del blog di Dicembre 2011

Scrivi un commento

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

    Non ci sono commenti all'articolo.