Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Effettua l'accesso
Elettrofisiologia Cardiaca

Studio elettrofisiologico transesofageo (SETE) ed endocavitario (SEE)

Indicazioni cliniche allo SETE

1) Sincope. Lo SETE può essere indicato se si sospetta una tachicardia parossistica sopraventricolare con sincope d’esordio;
2) Diagnosi differenziale tra pause sinusali da blocchi seno-atriali e battiti prematuri atriali bloccati , mascherati all’interno dell’onda T;
3) Diagnosi differenziale tra battiti prematuri sopraventricolari con aberranza e battutiti prematuri ventricolari;
4) Diagnosi differenziale tra tachicardia sinusale inappropriata e tachicardia atriale 2:1 con onda P bloccata mascherata nel QRS o nella T;
5) Cardiopalmo parossistico sospetto per tachicardia parossistica sopraventricolare in assenza di documentazione ecg della aritmia;
6) Sospetta preeccitazione tipo WPW;
7) Valutazione elettrofisiologica nel WPW asintomatico e sintomatico;
8) Fibrillazione atriale parossistica idiopatica nel sospetto di una tachicardia reciprocante che funge da trigger della fibrillazione atriale (tachycardia induced-tachycardia);
9) Tachicardia a complessi larghi di dubbia natura;
10) Tachicardia ventricolare fascicolare;
11) Interruzione di tachicardia parossistica sopraventricolare e flutter atriale