Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Effettua l'accesso
Elettrostimolazione Cardiaca

Indicazioni all’impianto permanente di dispositivi aventi funzione pace-maker

I pacemaker sono dispositivi con funzioni di pacing e sensing formati da una batteria (Figura 1), alloggiata poi in tasca sottocutanea o sottomuscolare (generalmente in regione sotto claveare sinistra) (Figura 2) e connessa ad elettrocateteri, variabili in numero e diametro, posizionati all’ interno delle camere cardiache (Figura 3, 4), che trasportano al dispositivo ( batteria) le informazioni sentite nella camera/e cardiaca/che ( funzione di sensing) e conducono il segnale di stimolazione (pacing) dalla batteria alle camera/e stimolate. Tali dispotivi, simili nelle dimensioni, nel materiale di costruzione nonché nelle funzioni generali, sono prodotti e commercializzati da differenti ditte.

Per averne una più chiara visione, la distinzione dei vari dispositivi con funzione di PMK viene definita dal “ pacemaker code”, scritto sulla semplice base di un format a cinque lettere:

Camera stimolata
 1 Camera sentita 2 Modalità di risposta
 3 Funzioni programmabili
 4 Funzioni antitachicardia 
5
V = Ventricle V = Ventricle T = Triggered R = Rate Modulated O = None
A = Atrium A = Atrium I = Inhibited C = Communicating P = Paced
D = Dual (A & V) D = Dual (A & V) D = Dual Triggered/Inhibited M = Multiprogrammable S = Shocks
O = None O = None O = None P = Simple Programmable D = Dual (P & S)
O = None

I modelli più utilizzati sono generalmente quello VVIR, e il DDDR; meno impiantati sono i PMK modo VDD, e raramente quelli AAI.
Ulteriori progressi nel campo dell’ elettrostimolazione permanente con dispositivi impiantabili sono stati rappresentati dallo sviluppo di PMK tricamerali, o PMK con funzione resincronizzante, che attraverso la stimolazione sia del ventricolo destro ( endocardica) che del ventricolo sinistro ( epicardica), possono portare oltre che al controllo del ritmo anche ad un miglioramento della performance cardiaca.
Le indicazioni all’ impianto definitivo di dispositivi aventi funzioni di pacemaker ( PMK) sono definibili secondo le recenti linee guida in III classi di raccomandazione ed in III gruppi di evidenza . Le classi di raccomandazione dalla I fino alla terza esprimono : “evidenza e/o generale consenso sull’utilità e sull’efficacia di una procedura o di un trattamento” ( classe I); “ l’utilità e l’efficacia di una procedura o di un trattamento , meno consolidate per divergenza di opinione fra i membri del Comitato” ( classe II) ed infine “l’ inutilità o addirittura il rischio della procedura, in caso in cui vi sia più danno che beneficio dalla stessa” ( classe III).
I gruppi di evidenza derivano da “multipli studi clinici randomizzati con ampio numero di pazienti o da metanalisi ( gruppo A- ALTO), “da un singolo studio randomizzato con limitato numero di pazienti o da analisi di studi non randomizzati, o studi retrospettivi o registri osservazionali ( gruppo B-INTERMEDIO) ed infine dal consenso di esperti alla base della raccomandazione ( gruppo C-BASSO).