Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Effettua l'accesso
Elettrostimolazione Cardiaca

Il defibrillatore automatico impiantabile

Funzioni di un AICD

Le funzioni di un AICD si possono riassumere in:

  • Funzione di conversione delle tachiaritmie ventricolari (TV ed FV) mediante:
    • Terapie antitachicardiche consistenti in sequenze di impulsi elettrici, a frequenza più elevata della Tachicardia Ventricolare rilevata, che tentano la “cattura” della tachiaritmia riportandola ad un ritmo fisiologico o
    • Terapie a base di shock elettrici, a corrente continua bifasica, che azzerano la Tachicardia Ventricolare prolungata o la Fibrillazione Ventricolare e favoriscono il ripristino di un ritmo fisiologico
  • Funzione antibradicardica ( l’AICD è sempre anche un pacemaker) eseguita mediante:
    • Stimolazione atriale
    • Stimolazione ventricolare
    • Funzione resincronizzante la contrattilità ventricolare sinistra mediante: Stimolazione sincronizzata della parete del ventricolo sinistro a contrazione ritardata (l’AICD può essere un pacemaker con stimolazione bi-ventricolare)



Le funzioni antibradicardica e resincronizzante dell’AICD non saranno argomento di questo capitolo.

Per svolgere la funzione fondamentale di conversione delle tachiaritmie ventricolari, l’AICD deve

  • Avere ampia possibilità di programmazione per ciò che riguarda il riconoscimento delle aritmie e la gamma di terapie da erogare per
  • interpretare il ritmo del paziente secondo parametri programmati e personalizzati sulla base anche delle aritmie storiche del paziente, e conseguentemente
  • mettere in atto le terapie programmate e
  • memorizzare gli eventi aritmici e le terapie erogate

E’ infatti importante la capacità del dispositivo di memorizzare gli eventi aritmici e le terapie prodotte che potranno guidare ulteriori riconoscimenti di aritmie e le future terapie.