Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Effettua l'accesso
Elettrostimolazione Cardiaca

Disturbi respiratori notturni e aritmie

Fisiopatologia del sonno

La transizione del sonno da veglia a fase NREM è accompagnata da un incremento del tono parasimpatico e rispettiva riduzione dell’attività simpatica e del metabolismo basale con associata riduzione della frequenza cardiaca (FC), della pressione arteriosa (PA), delle resistenze vascolari sistemiche, del volume minuto cardiaco e della gittata sistolica e conseguente riduzione del lavoro miocardio e maggiore stabilità elettrica cardiaca.
Durante le cicliche transizioni da fase NREM a REM la predominanza parasimpatica è interrotta da quella simpatica e la FC, PA le resistenze vascolari sistemiche e la aritmogenicità incrementano. Dal momento che un adulto trascorre circa il 75-80% del sonno in fase NREM il sonno stesso è considerato un tempo a predominanza parasimpatica con quiescenza cardiovascolare. Ma i ricorrenti episodi di apnea alterano tale stato con conseguenze emodinamiche, autonomiche, neuroendocrine infiammatorie e metaboliche con inevitabili ripercussioni cardiovascolari a lungo termine