Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania


Warning: Illegal string offset 'email' in /web/htdocs/www.aritmologiaincampania.it/home/squelettes/formulaires/ecrire_auteur.php on line 20

Fai una domanda al medico


Fai una domanda
?

F.A. PAROSSISTI​CA ASINTOMATI​CA - 07.09.2015

Salve,sono il signor Fausto di 43 anni,prima con un holter e poi con lo
studio elettrofisiologico mi è stata riscontrata una F.A. parossistica
asintomatica,volevo chiedervi se con questi due accertamenti ci sono
margini d’errore sulla diagnosi?
L’ansia può provocare episodi di F.A.? Che relazione c’è tra extrasistole s.v. e F.A.? Mì è stato proposto dal mio cardiologo l’ablazione transcatetere,secondo il suo parere,alla luce degli accertamenti fatti, sarebbe il caso di un ulteriore consulto?
Anticipatamente la ringrazio della sua gentilissima risposta, Fausto.

Scrivi un commento

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

  • Icon User
    Antonio De Simone

    Carissimo signor Fausto,
    la possibilità di un errore diagnostico è praticamente inesistente.
    Le extrasistoli atriali sono il momento scatenante dell’aritmia e sono uno dei berrsagli della procedurfa di ablazione, unitamente alla modifica del substrato anatomico. Per quanto riguarda la motivazione per la quale eseguire l’ablazione è difficile risassumerle le motivazioni in poche parole. L’assenza di sintomi gioca a favore di un atteggiamento conservativo, ma va detto che l’assenza di sintomi non elimina il rischio tromboembolico che accompagna inevitabilmente la fibrillazione e per il quale è necessaria una corretta terapia di scoagulazione. inoltre, in genere, col tempo, le forme parossistiche diventano persistenti e ciò complica ulteriormente il quadro. A Lei la decisione finale.
    Cordiali saluti