Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Scompenso cardiaco

Cosa è

Epidemiologia

Tale sindrome clinica, ormai, nei paesi occidentali sta acquisendo il carattere di pandemia. In particolare la sua Prevalenza è maggiore rispetto ai più diffusi tumori.
In Europa sono colpiti circa 14 milioni di soggetti, ed un milione in Italia. La prevalenza e l’incidenza di tale sindrome ha un andamento esponenziale, colpendo 1% sei soggetti con età minore di 60 anni per attestarsi oltre il 10% nei soggetti ottantenni.
In termini di epidemiologia ospedaliera in Italia, lo scompenso cardiaco è il terzo tipo di ricovero più frequente ed il primo in termini di costo con una spesa complessiva di 500 milioni di euro/anno.
Tale incremento è correlata anche al miglioramento di di cura tutte le condizioni patologiche ( infarto miocardico , valvulopatie, ipertensione arteriosa ecc) la cui evoluzione comporta la comparsa della sindrome clinica. _ Nonostante il miglioramento dei trattamenti terapeutici la morbilità e la mortalità sono ancora elevate: il 40% circa dei malati subisce un nuovo ricovero entro 6 mesi dalla diagnosi, mentre il 40% muore entro un anno dal primo ricovero ospedaliero e solo il 25% degli uomini e il 38% delle donne sopravvive oltre i cinque anni dalla diagnosi.