Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Effettua l'accesso
Elettrostimolazione Cardiaca

Disturbi respiratori notturni e aritmie

Effetti cronici

Gli effetti a lungo termine dell’OSA sono rappresentati da:
Disregolazione del sistema nervoso autonomo conseguenza dei ripetuti episodi di ipossia con incremento della sensibilità chemocettoriale periferica e persistenza di un alterato incremento di attività simpatica anche in condizioni di veglia. I ripetitivi incrementi di PA in sonno, possono indurre un ridotta regolazione della sensibilità barocettoriale risultando in estrema variabilità della stessa PA.
Disfunzione vascolare endoteliale causata dagli episodi ipossici con stress ossidativi, rilascio di endotelina-1 e ridotti lievi di ossido nitrico, tutti fattori implicati nello sviluppo e mantenimento di elevati livelli di PA. Inoltre incremento di markers tipici dell’aterosclerosi quali ispessimento mediointimale della carotide, calcificazioni carotidee e coronariche. La terapia con CPAP ha mostrato migliorare i livelli endoteliali di ossido nitrico.
Stato pro infiammatorio: elevati livelli di PCR, TNA-alfa, IL-6e IL-8 che possono essere ridotti dalla terapia con CPAP
Stato pro coagulante: incremento significativo della aggregabilità piastrinica durante la notte in associazione gli elevati livelli di catecolamine. Inoltre elevato ematocrito (per l’ipossia notturna) dei livelli di fibrinogeno e della viscosità del sangue. Tali fattori sembrano predisporre ad eventi cardiovascolari acuti notturni. (Fig 1)