Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Casi clinici ed elettrocardiografici

Casi Clinici

Dislocazione di elettrocateteri Vdx a vite con stimolazione muscolare

Clinica Montevergine Mercogliano

Il primo caso è quello di una donna di 60 anni portatrice di pace-maker DDDR impiantato per malattia del nodo seno atriale. Ad un mese dall’impianto la paziente richiedeva un controllo urgente per comparsa ,senza una causa correlabile,di improvvisa di stimolazione diaframmatica sx mal tollerata. Al controllo telemetrico del dispositivo si evidenziava assenza di cattura e basso sensing ventricolare con impedenze nella norma. Al controllo scopico era chiara la dislocazione dell’elettrocatetere sulla cupola diaframmatica sx (Figura 1).
Veniva eseguita quindi la revisione in controllo ecocardiografico ed in standbay chirurgico che si completava senza complicanze, riposizionando,questa volta, l’elettrocatetere a livello settale (Figura 2).
Il secondo caso si riferisce ad una dislocazione di un elettrocatetere Vdx a vite direttamente nella tasca chirurgica del pace-maker (Figura 3) scoperto in quanto al controllo periodico si evidenziava stimolazione continua del muscolo piccolo pettorale senza cattura e sensing del ventricolo destro, anche in questo caso con impedenze normali .

Scrivi un commento

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

    Non ci sono commenti all'articolo.