Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Effettua l'accesso
Elettrofisiologia Cardiaca

Il laboratorio di elettrofisiologia interventistica

Complicanze dell’ablazione

L’incidenza di complicanze maggiori in corso di ablazione è attualmente estremamente bassa. Le possibili complicanze acute di una procedura ablativa possono essere dovute: all’introduzione degli elettrocateteri all’interno dei vasi e delle camere cardiache (rottura di un vaso, rottura di cuore, embolia, pseudoaneurisma, ematoma), alla sedazione o anestesia, all’erogazione della radiofrequenza (blocco AV quando l’erogazione viene eseguita erroneamente sull’His, blocco di branca per lesioni del sistema Purkinje, tromboembolia); ma la percentuale di suddette complicanze risulta comunque inferiore ai possibili effetti collaterali dei farmaci antiaritmici assunti in maniera profilattica nel trattamento cronico delle aritmie, e risulta comunque bassa anche nelle procedure di ablazione transcatetere delle aritmie più complesse, che prevedono l’utilizzo di radiofrequenza prolungata ed in genere di più lunghi tempi procedurali.