Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Effettua l'accesso
Elettrostimolazione Cardiaca

Morte cardiaca improvvisa

Cardiopatia Ipertrofica

E’ una patologia estremamente eterogenea, le cui manifesta- zioni cliniche spaziano dalla completa asintomaticità alla MCI. Costituisce la più frequente causa di MCI negli atleti.
I meccanismi ipotizzati sono:
1) Tachiaritmie ventricolari (da ipertrofia e/o ischemia).
2) Ostruzione del tratto di efflusso del ventricolo sx.
3) Bradiaritmie da SSS o BAV.

I pazienti affetti da cardiomiopatia ipertrofica a maggior rischio di MCI sono:
1) pz. sopravvissuti ad arresto cardiaco.
2) pz. con episodi frequenti e prolungati di TV sostenuta sintomatica (l’inducibilità al SEF non ha valore predittivo).
3)pz. con anamnesi di precedenti episodi sincopali.
4) pz. con storia familiare di morte improvvisa.

Il ruolo dell’ipertrofia massiva come fattore di rischio indipendente per MCI è incerto (possibile associazione con TVS).

I pazienti affetti da cardiomiopatia ipertrofica a basso rischio di MCI sono gli asintomatici che non presentano alcuna delle seguenti caratteristiche:

1) TVNS all’Holter.
2) Marcato gradiente del tratto di efflusso del VS.
3)Marcata ipertrofia .
4) Ipotensione durante sforzo.

Trattamento dei pazienti affetti da cardiomiopatia ipertrofica considerati ad alto rischio di MCl:
1) Amiodarone .
2) ICD .
3) Calcio antagonisti e ß-bloccanti.
4) Trattamento chirurgico.
5) PM DDD.