Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Effettua l'accesso
Elettrostimolazione Cardiaca

Morte cardiaca improvvisa

Cardiomiopatia del ventricolo destro

Cardiopatia ad etiologia incerta, caratterizzata da sostituzione fibro-adiposa del miocardio ventricolare destro, a carattere prevalentemente focale (“triangolo della displasia”). La principale manifestazione clinica è la TV monomorfa (morfologia tipo BBS), determinata da un meccanismo di rientro.

I pazienti con diagnosi di cardiomiopatia del ventricolo destro hanno assoluta indicazione al trattamento, poiché la MCI (benchè rara) si verifica prevalentemente nei soggetti non trattati:
1) ß-bloccanti (specificamente sotalolo)
2) Ablazione
3) ICD (prevenzione secondaria)

Sono da considerare a rischio particolarmente elevato di MCI i pz. con TV sostenuta ricorrente o precedente arresto cardiaco.
Tali disturbi predispongono cuori strutturalmente sani (alla luce delle attuali possibilità diagnostiche) all’insorgenza di aritmie ventricolari maligne.
In questo gruppo possiamo includere:
1) La sindrome del QT lungo
2) Le tachiaritmie ventricolari idiopatiche
3) La sindrome di Wolff Parkinson White, nelle sue forme maligne.