Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Effettua l'accesso
Elettrofisiologia Cardiaca

Bradiaritmie

Blocchi atrio-ventricolare

dr Giuseppe Stabile, dssa Assunta Iuliano, dr Alfonso Panella- Clinica Mediterranea, Napoli

BLOCCHI ATRIOVENTRICOLARI

Si definisce blocco atrioventricolare un disturbo della conduzione dell’impulso elettrico cardiaco, permanente o transitorio, dovuto a compromissione anatomica o funzionale del nodo atrioventricolare (AV). Le cause sono diverse: iatrogene (antiaritmici di classe IC, beta bloccanti, calcio antagonisti), infarto del miocardio (prevalentemente della parete inferiore), miocardite, degenerazione senile del nodo atrioventricolare, congenite.

Si distinguono tre gradi di blocco AV:

Blocco AV di I grado: rallentamento della conduzione atrioventricolare che porta ad un allungamento dell’intervallo P-R oltre i 0,20 secondi. Ogni onda P seguita da un complesso QRS; QRS stretto (in caso di blocco alto: a livello della giunzione atrionodale o intranodale) o QRS largo (in caso di blocco basso: hissiano o sottohissiano).
Non è indicato alcun trattamento specifico.

Blocco AV di II grado: interruzione intermittente della conduzione degli impulsi atriali ai ventricoli. Si distinguono 2 tipi di blocco atrioventricolare di II grado:

Tipo I (con periodismo di Wenckebach): si osserva un progressivo allungamento dell’intervallo P-R fino alla comparsa di un’onda P non condotta (cioè non seguita da un QRS). Quando presenti, i sintomi più frequentemente riscontrati sono: vertigini, astenia, presincope e sincope.
Non è indicato alcun trattamento specifico a meno che il paziente non sia sintomatico per una bradicardia importante o sia evidente allo studio elettrofisiologico endocavitario, un blocco intrahissiano o sottohissiano. In tal caso è indicato l’impianto di pacemaker.

Tipo II (di Mobitz): comparsa periodica o intermittente di P bloccate (non seguite da QRS) senza allungamento progressivo dell’intervallo P-R. L’intervallo P-R rimane costante in quanto il processo patologico alla base di tale blocco è posto al di sotto del nodo AV. Il rapporto di conduzione può variare (1:1, 2:1, 3:1 o maggiori). In presenza di pause significative i sintomi sono generalmente la presincope e la sincope.
Per tale tipo di blocco è indicato l’impianto di pacemaker.

Blocco AV di III grado: Nessun impulso atriale raggiunge i ventricoli che sono attivati da un segnapassi di scappamento, la cui frequenza è tanto più bassa quanto più distalmente esso è situato lungo il sistema di conduzione. In caso di blocco nodale si ha un ritmo di scappamento giunzionale con complessi QRS stretti (<0.12 sec) e frequenza compresa tra 40 e 50 battiti al minuto.
Quando, invece, la lesione è sottohissiana, il ritmo di scappamento è ventricolare e si caratterizza per complessi QRS larghi (>0.12 sec) e frequenza compresa tra 30 e 40 battiti al minuto.
Per tale tipo di blocco è indicato l’impianto di pacemaker.