Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Effettua l'accesso
Elettrofisiologia Cardiaca

Tachicardie ventricolari

Battiti prematuri ventricolari

dr Antonio De Simone, dr Vincenzo La Rocca, dssa Assunta Iuliano*- Clinica San Michele (Maddaloni,CE), *Clinica Mediterranea (Napoli)

BATTITI ECTOPICI VENTRICOLARI (BEV)

Le extrasistoli ventricolari (o BEV) sono determinate da depolarizzazioni premature che originano al di sotto del fascio di His, pertanto generandosi nei ventricoli e non propagandosi per le normali vie di conduzione, possiedono una morfologia all’elettrocardiogramma con complessi larghi (QRS>120 ms).
I BEV possono essere monomorfi, polimorfi, tardivi o precoci, sporadici o con una distribuzione regolare (ritmo bigemino, trigemino, etc.).
La morfologia del complesso QRS e la direzione dell’asse elettrico permettono di individuare la sede di origine dei BEV. I meccanismi elettrofisiologici alla base dei BEV sono l’automatismo, il rientro e l’attività triggerata.
I BEV si possono manifestare in persone a cuore sano e tendono ad aumentare con l’età, possono essere asintomatici oppure provocare palpitazioni. La presenza di cardiopatia, l’ipertono adrenergico, l’ipopotassiemia, l’abuso di tabacco, alcool e caffeina possono favorirne l’insorgenza.
La prognosi dei BEV dipende dalla cardiopatia sottostante, ed è benigna nei pazienti a cuore sano.
Il test ergometrico è utile nel definire un profilo di rischio, essendo benigni i BEV che scompaiono durante lo sforzo fisico.
Occorre comunque una valutazione qualitativa e quantitativa dei BEV, solitamente attraverso una registrazione elettrocardiografica tipo Holter.
Nei pazienti particolarmente sintomatici e con aumentato rischio aritmico richiedono trattamento farmacologico (β-bloccante come prima scelta ed amiodarone come seconda scelta), talora ablativo.