Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Effettua l'accesso
Elettrofisiologia Cardiaca

Ablazione transcatetere mediante radiofrequenza di via accessoria

dr. Antonio De Simone, dr. Vincenzo La Rocca, dssa Assunta Iuliano* Clinica San Michele (Maddaloni,CE)- Clinica Mediterranea* (Napoli)

L’ablazione transcaterere con radiofrequenza è la prima scelta terapeutica delle tachicardie reciprocanti atrioventricolari da via accessoria, per l’alta efficacia procedurale (superiore al 95%) e per la bassa incidenza di complicanze procedurali.
L’ablazione viene eseguita attraverso la localizzazione dell’inserzione della via accessoria lungo gli anelli atrioventricolri (AV).
Il mappaggio e l’ablazione delle vie accessorie a localizzazione sinistra, vengono effettuati utilizzando l’approccio retrogrado transaortico oppure quello anterogrado transettale, attraverso la puntura del setto interatriale oppure attraverso un forame ovale pervio o difetto del setto interatriale. L’ablazione viene in genere eseguita sull’ inserzione ventricolare della via accessoria.
La percentuale di recidiva di tachicardia dopo un’ablazione efficace è compresa tra il 5% ed il 10%, e comprende quei pazienti in cui si manifesti una via accessoria precedentemente “silente” ("vie accessorie multiple").
Una complicanza specifica dell’ablazione delle vie accessorie settali è la comparsa del blocco AV, la cui incidenza è inferiore all’ 1% e può essere ridotta con la scelta adeguata dei parametri della radiofrequenza, con l’attento monitoraggio della conduzione AV o VA durante l’erogazione della radiofrequenza o con l’utilizzo della crioablazione.