Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Effettua l'accesso
Elettrofisiologia Cardiaca

Ablazione della tachicardia atriale focale

Le tachicardie atriali (TA) focali sono un gruppo di aritmie sopraventricolari relativamente rare dovute ad un’attivazione atriale ritmica ad origine da un focus, che si diffonde con un’attivazione centrifuga. Tre sono i possibili meccanismi responsabili delle TA focali: anomalo automatismo, attività triggerata e microrientro.
Indipendentemente dal meccanismo elettrofisiologico, l’ablazione della TA focale prevede l’individuazione del focus atriale responsabile dell’aritmia. La maggioranza delle TA focali destre originano dalla cresta terminalis, mentre tra le TA sinistre occupano un posto particolare quelle ad origine dalle vene polmonari (VP). Oggi è ben noto il ruolo dei foci ectopici delle VP nella patogenesi della fibrillazione atriale (FA).
La morfologia elettrocardiografica dei foci ectopici può orientare circa la sede d’insorgenza, mentre il mappaggio elettroanatomico endocavitario tridimensionale ne consente la precisa localizzazione. In assenza di una TA focale stabile da mappare, si possono mappare le extrasistoli di innesco, ovviamente se queste siano frequenti e monomorfe.