Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la raccolta di dati statistici in forma aggregata e la visualizzazione di contenuti multimediali provenienti da altri siti web. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la consulta la cookie policy, continuando a navigare, scrollando la pagina o cliccando su un qualsiasi elemento acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Acconsento

Aritmologia in Campania

Effettua l'accesso
Elettrofisiologia Cardiaca

Ablazione della fibrillazione atriale

dr Giuseppe Stabile, dssa Assunta Iuliano- Clinica Mediterranea, Napoli

Ablazione della fibrillazione atriale

La fibrillazione atriale (FA) è la più frequente forma di aritmia sostenuta, presentandosi nell’1-2% della popolazione generale, ed è la più frequente causa di accesso al pronto soccorso in Italia.La sua incidenza aumenta all’aumentare dell’età pertanto si stima che entro il 2050 il numero di pazienti affetti da FA sia raddoppiato (1,2).
A differenze delle altre aritmie sopraventricolari, la FA si associa ad un aumentato rischio (circa 1.5 volte nell’uomo ed 1.9 volte nella donna) di morte legato principalmente all’aumentato rischio trombo embolico (3).
L’inefficacia dei farmaci antiaritmici nel mantenere il ritmo sinusale e il numero non trascurabile di effetti collaterali, anche gravi, legati al loro uso, ha spinto lo sviluppo di terapie alternative tra cui l’ablazione trans catetere mediante radiofrequenza, che rappresenta, ad oggi, la più promettente terapia per la FA (4).

Bibliografia
1) Go AS, Hylek EM, Phillips KA, et al. Prevalence of diagnosed atrial fibrillation in adults: national implications for rhythm management and stroke prevention: the AnTicoagulation and Risk Factors in Atrial Fibrillation (ATRIA) Study. JAMA 2001;285:2370–2375.
2) Stewart S, Hart CL, Hole DJ, McMurray JJ. Population prevalence, incidence, and predictors of atrial fibrillation in the Renfrew/Paisley study. Heart 2001;86:516–521.
3) Stewart S, Hart CL, Hole DJ, McMurray JJ. A population-based study of the long term risks associated with atrial fibrillation: 20-year follow-up of the Renfrew/Paisley study. Am J Med 2002;113:359–364.
4) Camm AJ, Kirchhof P, Lip GY, et al. Guidelines for the management of atrial fibrillation: the Task Force for the Management of Atrial Fibrillation of the European Society of Cardiology (ESC). Eur Heart J 2010;31:2369-429.